Sicurezza della Casa: infissi blindati e classi di sicurezza

novembre 7, 2017

La propria casa da sempre è simbolo di dimorariparo e protezione dalle avversità del mondo esterno. Troppo spesso però viene violata. La sicurezza della casa diventa quindi necessaria: oltre che dalla porta d’ingresso può essere ottenuta anche grazie alle finestre, soprattutto nel caso in cui queste risultino collocate ad un’altezza facilmente raggiungibile dai malintenzionati. Tra i meccanismi di sicurezza passivi le grate, fisse o mobili, persiane blindate  che dir si voglia, sono considerate come uno dei migliori sistemi di protezione e prevenzione dei tentativi di furto. persiane blindate roma

Per questo motivo le persiane blindate sono molto ricercate per garantire la sicurezza nella propria casa.

Si tratta in realtà di un sistema di sicurezza ben visibile che è in grado se non altro di proteggere l’accesso e scoraggiare l’eventuale malintenzionato dal compiere i suoi tentativi di effrazione. E’ importante sapere che per quanto riguarda gli infissi blindati moderni, sono tutti modelli fabbricati nel rispetto di determinati criteri prestazionali, quali le prescrizioni della norma UNI EN 13659 riferita alla marcatura CE relativa alle caratteristiche dei sistemi di oscuramento, e antieffrazione.

A livello estetico negli anni c’è stato un netto miglioramento. Le tecniche di lavorazione e i materiali di oggi hanno reso infatti questa particolare tipologia di infisso esterno, un vero e proprio oggetto di decoro per le facciate delle case. Sono sempre di più coloro che le preferiscono agli avvolgibili, per via della migliore resa estetica che donano agli edifici, soprattutto nel caso di ville e abitazioni del centro storico. persiane blindate roma

La classificazione delle classi secondo la norma UNI 1627:2011

La norma indica i requisiti di classificazione in base a test di resistenza all’effrazione condotti su porte, finestre, inferriate e persiane. La classificazione va da 1 a 6 in una scala di valori crescenti: ad esempio un prodotto in classe 6 è più sicuro, mentre in classe 1 risulta meno sicuro ai tentativi di scasso.

La differenza tra le singole classi anti-effrazione crescenti è legata agli arnesi utilizzati per il tentativo di scasso e all’atteggiamento del ladro.

Classe 1
Lo scassinatore occasionale prova a forzare la porta, la finestra, o l’oscurante chiuso usando piccoli attrezzi e la forza fisica (ad es. con calci, spallate). Do solito non conosce la reale resistenza del prodotto, ma è attento ai tempi, sensibile ai rumori e non vuole correre grossi rischi.

Classe 2
Il ladro può tentare di di forzare la finestra, la porta o chiusura con attrezzi rudimentali come cacciaviti, tenaglie o cunei. Ha conoscenze basilari sulla resistenza del sistema di sicurezza, è molto attento ai tempi, sensibile ai rumori e non è disposto a correre rischi elevati. Non porta con se utensili da meccanici in grado di perforare.

Classe 3
Lo scassinatore cerca di entrare usando un piede di porco e contestualmente un cacciavite, utensili manuali e strumenti di perforazione meccanici che consentono danneggiare i dispositivi di chiusura. Possiede delle conoscenze generali sulla tenuta del prodotto. Anche se attento ai rumori ai tempi tecnici è disposto a correre rischi di media entità.

Classe 4
Lo scassinatore esperto, oltre a poter usare tutti gli strumenti elencati nelle classi precedenti, si serve di martelli, accette, scalpelli e trapani portatili a batterie. Può correre un rischio più elevato, pertanto è meno sensibile ai rumori.

Classe 5
Lo scassinatore esperto utilizza oltre ad attrezzi elettrici, come trapani, seghe a sciabola e mole ad angolo con un disco massimo di 125 mm di diametro, che aumentano le possibilità di effrazione. È sufficientemente motivato e discretamente organizzato, ed è poco sensibile ai rumori in quanti disposto a sostenere rischi notevoli.

Classe 6
Lo scassinatore esperto usa attrezzi elettrici maggiore potenza, per esempio trapani, seghe a sciabola e mole ad angolo con un disco massimo di 230 mm di diametro, ossia strumenti con un alto livello di efficacia anche se usati da un singolo. È molto organizzato e motivato, per nulla preoccupato dai rumori e disposto a correre rischi molto elevati.

Dopo una panoramica completa sulle classi di effrazione è chiaro quanto sia importante sviluppare un sistema di sicurezza passivo su misura per il tipo di abitazione e il contesto in cui è inserita. La combinazione di più prodotti può ad esempio allungare di molto i tempi del tentativo di scasso, inducendo il malvivente ad arrendersi. In definitiva per le abitazioni dei privati, la classe 3 può essere considerato il giusto compromesso. persiane blindate roma

Puoi valutare senza impegno un preventivo per i nostri sistemi di sicurezza compilando il form che trovi qui sotto o contattandoci allo 06 928 1539, riceverai uno sconto del 5% e in più la serratura Bunkerlocks:

bunkerlocksSerratura brevettata con elevate caratteristiche antiscasso

• Catenacci autobloccanti, composti da due ganci dentati contrapposti e realizzati in acciaio carbonitrurato
• Azionamento dei catenacci con quadro maniglia e blocco del quadro maniglia con cilindro
• Azionamento e blocco dei catenacci con cilindro
• Adatta per infissi ad anta o scorrevoli
• Entrata 30mm,
• Corsa rinvii 25mm
• Completa di ag

 

 

Form per preventivo persiane blindate roma

  • Cliccando su invio Autorizzo la De Noni Serramenti, ai sensi e per gli effetti degli artt. 13 e 23 del D. L.gs. n. 196/2003, al trattamento dei dati personali. I tuoi dati non saranno forniti a terzi e verranno utilizzati solo dalla De Noni Serramenti.

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *